Domande d’Asilo presentate nell’Unione Europea nel 2010

scritto da Redazione il 6 May 2011 in 4 - Accoglienza e diffidenza and Notizie con commenta

Con quasi 260.000 richieste presentate complessivamente nei 27 Stati membri, nel 2010 è rimasto più o meno stabile il numero di domande d’asilo nell’UE (erano state circa 264.000 nel 2009) secondo le rilevazioni eseguite da Eurostat.
Delle 257.800 domande presentate, cioè 515 domande per milione di abitanti, il 90% era costituito da nuove richieste e il 10% da richieste ripresentate.
Al primo posto tra gli Stati membri per numero di domande ricevutela Francia(con 51.600), seguita da Germania (48.500), Svezia (31.900), Belgio (26.100), Regno Unito (23.700), Paesi Bassi (15.100), Austria (11.100), Grecia (10.300), Italia (10.100) e Polonia (6500). Questi dieci Stati membri hanno ricevuto il 90% di tutte le domande d’asilo presentate nell’UE.
Comparando il numero di domande ricevute con la popolazione residente in ogni Stato membro, il tasso di richieste d’asilo più elevato ha riguardato Cipro (3600 domande per milione di abitanti), seguito da Svezia (3400), Belgio (2400), Lussemburgo (1600) e Austria (1300). Molto al di sotto della media UE (515) l’Italia, con 165 domande per milione di abitanti nel 2010, ma è probabile che tale dato varierà sensibilmente nell’anno in corso in conseguenza dei grandi flussi di profughi provenienti dai Paesi nordafricani in situazione di forte instabilità politica.
I principali Paesi di provenienza delle persone che hanno presentato domanda d’asilo agli Stati membri dell’UE nel 2010 sono stati l’Afghanistan (20.600 domande, cioè l’8% del totale),la Russia(18.500, circa 7%),la Serbia(17.700, quasi il 7%), l’Iraq (15.800, circa il 6%) ela Somalia(14.400, quasi il 6%).
In alcuni Stati membri dell’UE, poi, gran parte delle domande è pervenuta da cittadini di un singolo Paese: ad esempio in Polonia (73% delle domande presentate da russi), Lituania (50% da georgiani), Bulgaria (44% da iracheni), Lettonia (38% da afghani) e Ungheria (33% da afghani).

Approfondisci 

Print This Post