La Rivista

La rivista nasce dal lavoro di ascolto e osservazione delle vulnerabilità a cui l’Osservatorio delle Povertà e delle Risorse della Caritas diocesana di Torino lavora sin dal lontano 2005, anno della sua costituzione.

Dopo la pubblicazione di alcune ricerche, realizzate nell’ambito di progetti nazionali (Barriera fragile) o locali (In Precario equilibrio), il gruppo di lavoro ha messo a fuoco che era necessario costruire uno strumento diverso, più agile rispetto a un rapporto di ricerca e più capace di stare leggere i cambiamenti che attraversano i territori e le comunità con una rapidità inedita.

Cambia il volto della povertà, cambiano i fenomeni sociali, i processi culturali e le dinamiche di un territorio e , per perseguire i proprio obiettivi Caritas Torino prima e la Delegazione Regionale Caritas Piemnote Valle d’Aosta poi decidono di realizzare la rivista “puntidivista”  per

  • informare: dando voce alle tante storie invisibili di vulnerabilitĂ  e di generativa che abitano le nostre cittĂ ;
  • formare: per far crescere sul territorio e dal basso la cultura della responsabilitĂ  condivisa;
  • agire: creando occasioni per far conoscere e far incontrare le tante forze generative che ogni giorno assumono responsabilitĂ  e creano capitale che diventa patrimonio del territorio e delle comunitĂ .

Un po’ di storia

Nel Marzo del 2010, la rivista fa il suo debutto: è l’anno europeo della lotta alla povertĂ  e all’esclusione sociale e “Soglie di povertà” viene scelto come titolo del primo numero. Alla rivista viene abbinato un Dvd che contiene alcune “storie” e alcune interviste ad esperti.

Seguono in numeri dedicati :

alla “Responsabilità generativa” (ottobre 2010), uscito come supplemento de “La Voce del popolo” . Anche anche in questo caso c’ un dvd e, insieme alla Rivista viene editato “Il taccuino dell’opera Segno “ percorso di riflessione di Caritas Torino sui temi del cambiamento. Dell’ascolto e dell’accompagnamento della vulnerabilità

Al volontariato (marzo 2011), Continua la scelta editoriale di affiancare il video alla parola scritta, ma i materiali audiovisivi vengono resi disponibili sul canale youtube “puntidivistaCaritas

A Partire dall’ottobre 2011, la redazione intraprendo un percorso di riflessione sul tema del Welfare articolato su tre numeri (“Stato di insicurezza sociale” – “L’ombra della povertà” – “E’ stato sociale… lo sarà ancora?”).

Nei due numeri dell’anno seguente (2012) si torna a riflettere sui temi della generatività, in particolare a partire dall’innesco di processi che sostengano i legami e relazioni all’interno delle Comunità (“Ripartire” – “In relazione”).

Si arriva così al biennio 2013-14: le uscite si fanno più rare perché il gruppo di lavoro avvia un processo di cambiamento che porta la rivista a massimizzare la sua accessibilità via web e a ristrutturarsi profondamente. I temi scelti per i due numeri conclusivi sono da tempo al centro dell’azione di Caritas sul territorio: “Cerchiamo dimore” e “Miraggio reddito minimo”.

Dal novembre 2014, poi “puntidivista” si presenta ai propri lettori con un nuovo sito, un nuovo formato (facilmente stampabile dal sito stesso) e nuove modalità di fruizione Vai all’ archivio dei nuovi numeri


Rivista dell’ Osservatorio Caritas Torino e Delegazione Piemonte-Valle d’Aosta.
Registrazione n. 46 del 22/09/2010 – Tribunale di Torino.
Direttore: Marco Bonatti
Redazione: Tiziana Ciampolini (responsabile Osservatorio Caritas Torino) – Marina Marchisio – Enrico Panero (caporedattore)
Con la collaborazione di: Stefano Frassetto
Grafica e impaginazione: Luca Imerito
Riprese e montaggi audiovisivi: Alessandro Bronzini